26-10-2015

Recupero del relitto della nave Gokbel

701_low.jpg


737_low.jpg


July 2015, Ravenna- Il relitto della nave Gokbel,  affondata davanti al porto di Ravenna lo scorso 28 dicembre 2014 dopo una collisione con il mercantile Lady Aziza in cui sono periti sei marinai turchi, è stato recuperato e rimesso in galleggiamento dalle Società Neri e Smit Salvage.

Approfittando delle buone condizioni del mare, il pontone ITALIA ha concluso il lavoro per raddrizzare lo scafo della M/N GOKBEL insieme al Rimorchiatore NOS ARIES che sono state all’opera insieme alla SMIT SALVAGE di Rotterdam. Sono state prima svuotate le casse dai 30 metri cubi di gasolio presenti all’interno dello scafo con il sistema HOT TAP (usato per lo svuotamento del gasolio della CONCORDIA) e poi si è passati a chiudere saldando sopra e sotto acqua la falla di 25 metri quadri, apertasi dopo lo scontro. Un lavoro impegnativo causa il moto ondoso dell’Adriatico che ha accumulato ingenti quantitativi di argilla densa all’interno e intorno al blocco degli alloggi. Il peso e la quantità di argilla consolidatasi nei mesi in cui si è era in attesa di una decisione su chi dovesse pagare per il recupero è stato tale da sormontare il peso stesso della struttura degli alloggi in sè. I tecnici e marittimi della soc Fratelli neri coinvolti sono stati 25 e altrettanti i sommozzatori e il team di SMIT. A questi mezzi si è affiancato il ruolo del pontone autopropulso DARIO D della soc. CMC di Ravenna con funzione di base immersione per i sommozzatori. Un operazione conclusasi con successo che ha scongiurato qualsiasi pericolo di sversamento a mare di idrocarburi nel periodo turistico e rimuovendo un ostacolo alla sicurezza di navigazione delle navi verso il porto di Ravenna.