18-09-2014

Salvataggio della North Sea Standard Barge per Prysmian

amt_explore 01.jpg


18:31  MILANO (MF-DJ)--Durante il transito da Arco Felice (Napoli) a Bremenhaven (Germania), ieri il pontone Amt Explorer noleggiato per il trasporto dei cavi energia di Prysmian per i parchi eolici offshore Deutsche Bucht e Butendiek in Germania, si e' ribaltato mentre veniva movimentato tramite rimorchiatore, provocando l'affondamento della piattaforma rotante e del suo carico. L'evento, si legge in una nota, si e' verificato in acque internazionali in una posizione a circa 50 miglia nautiche dalla costa sud occidentale della Sardegna. Tutti i membri dell'equipaggio sono sani e salvi. Il pontone e' di proprieta' dell'armatore Augustea Anchor Marine Transportation, mentre Neri e Smit Salvage stanno provvedendo al recupero del relitto. Prysmian ha indicato in 28 milioni di euro il valore dei cavi trasportati, specificando che le coperture assicurative in essere sono adeguate per far fronte all'evento. Assieme a TenneT, conclude la nota, l'ex Pirelli Cavi sta lavorando "al meglio delle proprie capacita' per evitare conseguenze che possano avere impatti sul piano di esecuzione del progetto". com/ofb (fine) MF-DJ NEWS 0418:30 lug 2014.

 

Il giorno 4 luglio da Livorno parte con destinazione Sardegna Occidentale per il salvataggio della chiatta AMT Explorer (93 x 29 mt; GT 2500) il rimorchiatore AHT NOS ARIES, della società Fratelli Neri. Il rimorchiatore imbarca a Livorno attrezzature di salvataggio e il team della soc. Smit Salvage Rotterdam composto da sommozzatori e tecnici. Il NOS ARIES raggiunge  a largo di Sant Antioco (sardegna occidentale) la chiatta che galleggia capovolta con la chiglia rivolta vs il cielo. L’operazione di collegamento del cavo di rimorchio alla chiatta non si presenta di facile soluzione a causa del mare mosso  e a cause di parte delle attrezzature rizzate sulla chiatta che restano appese alla coperta sott’acqua. I sommozzatori riescono nel difficile compito dopo ore di lavoro.

Per l’operazione di raddrizzamento è necessario l’uso di un pontone di grande capacità di sollevamento e un fondale di circa 30 mt al fine di eseguire la rotazione in modo sicuro. Pertanto si decide di fare rotta su Piombino che presenta queste caratteristiche e grazie al lavoro di Capitaneria di Porto e Autorità Portuale  si ottengono le autorizzazioni necessarie.

In rada a Piombino NERI compone un campo boe per l’ormeggio della chiatta . Una volta ormeggiata la chiatta in rada a Piombino, si iniziano le attività di allestimento/carpenteria per la ricostruzione dell’impiantistica necessaria a controllare l’ingresso e l’uscita dell’acqua in tutte le casse. La preparazione preliminare dura 2 settimane ed è necessaria per permettere parte del raddrizzamento utilizzando la spinta idrostatica e lo spostamento della zavorra della chiatta.

Fondamentale apporto a questa composizione di forze è infine dato dal tiro del pontone Italia della società NERI , che con le 1100 tons di tiro ha reso possibile il raddrizzamento finale, facendo ruotare la chiatta di 360°.

Una volta eseguito il raddrizzamento , si è reso necessario mantenerla collegata al tiro del pontone ITALIA per permettere lo svuotamento completo delle casse e la bonifica e ridare assetto di galleggiamento necessario al rimorchio fino al porto dei lavori. L’operazione termina ad inizio Agosto coinvolge 50 tecnici di SMIT e NERI e le maestranze tecnico-nautiche del Porto di Piombino.

Una volta raddrizzata la chiatta è stata rimorchiata a Napoli dal mezzo NOS ARIES della soc. NERI per le riparazioni finali.