24-06-2014

Prova in mare al largo della Toscana per il recupero della navicella spaziale

navicella01.jpg


navicella02.jpg


navicella03.jpg


Ieri, il rimorchiatore NOS ARIES e l'equipaggio con l'obiettivo di recuperare la navicella spaziale IXV senza equipaggio  , ha eseguito una prova al largo della costa della Toscana, Italia.

Il rimorchiatore ha recuperato un prototipo del suborbitale IXV Intermediate eXperimental Vehicle, lo stesso modello volato l'anno scorso in una prova di ammaraggio al largo della costa orientale della Sardegna.

Una gru deidcata del rimorchiatore ha permesso recuperare il mezzo e di praticare le manovre difficili che saranno messe in opera quando la navicella reale schizzerà giù nell'Oceano Pacifico entro la fine dell'anno. La prova è anche stata eseguita in caso di un ammaraggio capovolto.

 
La IXV è stata issata a bordo dalla società italiana Fratelli NERI che ha svolto l’operazione tramite il rimorchiatore Nos Aries, issando il prototipo accuratamente issato a bordo e nel suo contenitore. Questo prototipo ed il lavoro svolto, sarà ora portato per la visualizzazione al Centro Tecnico dell'ESA nei Paesi Bassi .

Lanciato alla fine di quest'anno dall'ESA, il razzo Vega dalla base di Kourou, nella Guyana francese, IXV metterà alla prova tecnologie e sistemi per i futuri veicoli di rientro in atmosfera autonomi in Europa.

Discendente sul suo percorso suborbitale, come se di ritorno da una orbita bassa, il veicolo IXV userà il proprio corpo per generare portanza per il volo, controllato solo da lembi aerodinamici e propulsori.

È equipaggiato con le nuove tecnologie per raccogliere informazioni sull'aerodinamica, aerotermodinamica, materiali, strutture, meccanismi, di orientamento, di navigazione, di controllo e avionici.

Il volo sperimentale si concluderà con la finalità del IXV di trasmettere le sue preziose informazioni prima di ammarare nella regione più remota dell’Oceano Pacifico, dove il rimorchiatore della Fratelli NERI NOS ARIES sarà in attesa di recuperarlo.

 
Il rimorchiatore NOS ARIES lascerà l'Italia per attraversare il Mar Mediterraneo e l'Atlantico e imbarcherà i tecnici specialistici a bordo a Panama per il viaggio di un mese attraverso il Canale di Panama e del Pacifico.

Prima del lancio, il rimorchiatore rilascerà palloni meteorologici per verificare le condizioni di vento sopra il Pacifico per fornire informazioni sul percorso di discesa del veicolo IXV.

Se le condizioni del mare permetteranno al lancio di andare avanti, il rimorchiatore NOS ARIES riceverà i dati di volo a partire dai 300 sensori del veicolo IXV durante la discesa per poi raccogliere i segnali di beacon per individuare l'imbarcazione dopo l’ammaraggio.

Sommozzatori a bordo di un motoscafo della rimorchiatore madre potranno avvicinarsi al natante e poi portarsi dietro sistemi per controllare sniffer robotici per fumi di propellente residuo. Le gru di recupero del NOS ARIES potranno sollevare delicatamente il veicolo IXV in sicurezza prima che il serbatoio del carburante sarà pulito fuori acqua per il viaggio di ritorno verso l'Europa.