Dalle origini dell’impresa ad oggi

Neri Group - History Neri Group - History
Anteprima diBaratti 1910 Costante Neri at wreck removal of sailing cargo ship Baratti 1910 Costante Neri at wreck removal of sailing cargo ship
Anteprima diBastia 1924 wreck removal Bastia 1924 wreck removal
Anteprima diBen Hur - Tito Neri onboard 1924 Ben Hur - Tito Neri onboard 1924
Anteprima diBen Hur a tale of the Christ Ben Hur a tale of the Christ
Anteprima diRoman Galley Astraca movie Ben Hur 1924 Roman Galley Astraca movie Ben Hur 1924
Anteprima diShipwreck of the Garibaldi's troop in Baratti 1867 Shipwreck of the Garibaldi's troop in Baratti 1867
Anteprima diPalombaro Diver 1924 Palombaro Diver 1924
Anteprima diWreck Removal S/S Rijperkerk 1924 - 2 Wreck Removal S/S Rijperkerk 1924 - 2
Anteprima diWreck Removal of S/S Rijperkerk in Corsica 1924 Wreck Removal of S/S Rijperkerk in Corsica 1924
Anteprima diWreck Removal of Ben Hur Roman Galley 1924 Wreck Removal of Ben Hur Roman Galley 1924
Anteprima diTito Neri and his sons in Bagni Fiume Tito Neri and his sons in Bagni Fiume
Anteprima diCavaliere del Lavoro 1966 with President of Italian Republic Mr.Saragat Cavaliere del Lavoro 1966 with President of Italian Republic Mr.Saragat

1670

L’origine
La presenza della famiglia Neri in Livorno risale ai tardi anni del 1600, quando una famiglia di marina provenienti da Sestri Levante in Liguria si spostò nella costa Toscana a Livorno. Questa famiglia di origini umili trovò nel Porto di Livorno maggiori opportunità di lavoro , dal momento che Livorno stava diventando un’ampia zona di libero scambio delle merci e zona franca di importanza mediterranea. Di conseguenza i membri della famiglia NERI trovarono opportunità di lavoro come marinai, stivatori portuali, pescatori e barcaioli nei secoli 1700 e 1800.

1861

Il supporto a Garibaldi nell’unità di Italia
Nel 1861, l’Italia diviene uno stato unificato sotto la Monarchia dopo decennia di lotte interne. Nel periodo precedente l’unità d’Italia, conosciuto come Risorgimento , i membri della famiglia Neri presero parte ad alcune spedizioni comandate ed indette da Giuseppe Garibaldi. Tra queste, la spedizione per liberare Roma dal potere temporale del Papa, affinchè Roma diventasse la capitale del nuovo Stato Italiano (1867). Una truppa di Garibaldini prese il mare su un navicello a vela da Livorno e fece naufragio a Baratti, procedendo poi a piedi per le campagne verso Roma. Giovanni Neri, che era un soldato garibaldino volontario , morì nella battaglia di Mentana dove combattè contro i Francesi alleati alle truppe Papaline nel 1867. Roma divenne capitale quattro anni dopo nel 1871.

1895

Costante, il pioniere
Il fondatore dell’ impresa Neri fu Costante, che visse dal 1863 al 1932. Egli si trovava a capo di un gruppo di stivatori, che caricavano e scaricavano i velieri che arrivavano in porto a Livorno. La sua attività aveva base sugli Scali Novi Lena 1 a Livorno. Nella sua attività lo aiutavano i figli: Tito, che visse dal 1888 al 1973, ed Alfredo, che visse dal 1892 al 1950. Entrambi i fratelli iniziarono a lavorare in giovane età.

Ancora giovanissimo, incurante delle avverse condizioni meteorologiche, usciva dal porto di Livorno a bordo di piccole imbarcazioni per andare incontro ai velieri e alle navi a vapore che si avvicinavano alla costa. Raggiungeva il bastimento ben sapendo che chi per primo arrivava sottobordo si aggiudicava il diritto a scaricare. Insieme ad altri piccoli “ risicatori “ ( cosi come venivano chiamati all’epoca questi braccianti del mare ) , seguiva poi la nave all’ormeggio, dove le si affiancavano i navicelli pronti ad accogliere il carbone scaricato, raccolto con le mani e depositato nelle coffe (cesti di giunco). I navicelli percorrevano quindi i canali interni di Livorno per portare la merce a destinazione. Le condizioni di lavoro erano dure, ma quei giovani andavano fieri della loro attività. Coloro che si erano aggiudicati il diritto di discarica della nave dovevano successivamente recarsi nelle vicine spiagge, caricare ghiaia e tornare indietro a zavorrare la nave stessa.

Prima risicatori e poi “ zavorranti “, neri di fumo in volto, col sudore che inzuppava i vestiti e le mani già piene di calli. “ Il giovane Tito “, così come racconta il nipote Piero Neri, “aveva studiato solo fino alla terza elementare e ogni centesimo che guadagnava lo usava per imparare l’inglese presso una scuola di Livorno. Così facendo si avvantaggiava rispetto agli altri risicatori, soprattutto con le navi che arrivavano dall’Inghilterra, perché contrattava personalmente in lingua inglese il prezzo del servizio offerto “. Fattosi più adulto, Tito capì che i navicelli dovevano pur sempre essere trainati e si prodigò nella realizzazione di un piccolo rimorchiatore a vapore. Fu l’inizio della sua impresa portuale.

1910

La diversificazione
Accanto allo scarico e alla caricazione delle navi, Costante ed i suoi figli iniziarono una nuova attività – il recupero di relitti e il salvataggio. Il lavoro era rischioso , ma-quando di successo, sortiva profitti ragguardevoli. Dalla corrispondenza che la professoressa Algerina Neri ha rinvenuto tra Costante Neri e i Regi Uffici Marittimi Italiani di Livorno, Piombino e Baratti, sappiamo che nel 1910, Costante intraprese il salvataggio e recupero di molti velieri commerciali naufragati sulla costa Toscana.

1911

Riconoscimento del Governo Italiano
Le capacità di Tito Neri erano molto conosciute nel mondo marittimo, al punto che nel 1911 durante la Guerra coloniale in Libia, Tito fu chiamato dal Governo Italiano a recuperare centinaia di relitti affondati sulla costa nord Africana.

1916

La ditta “Fratelli Neri”
Dalla fine del 1800 , Costante ed i suoi due figli avevano iniziato la loro attività familiare che negli anni si era sviluppata. Così il nuovo quadro giuridico imponeva la registrazione della società alla locale Camera di Commercio. Costante, che già a quell’epoca non era più giovane impose ai figli, Tito ed Alfredo, di registrare la loro società come “Fratelli Neri,” che aveva sede legale in Scali Novi Lena 1, a Livorno. La loro attività vennne registrata il 31 Marzo del 1916, ed oggetto della società fu individuato “lo scarico e il carico di navi e l’impresa marittima”.

1918

L’ampliamento della flotta
Durante la Prima Guerra Mondiale il traffico marittimo nel Porto di Livorno era divenuto intenso, e così l’attività marittima aumentò e si rese fruttuosa, specialmente nello sbarco di materiale carbonifero. I guadagni furono impiegati per acquistare nove unità navali , tra cui “il Grado,” il primo rimorchiatore di quella che divenne poi una numerosa flotta. “Il Grado” fu acquistato dai Cantieri Navali Orlando insieme con una motobarca da palombari. L’ispezione subacquea alle navi danneggiate — prima della riparazione, era un’altra attività di specializzazione che i Fratelli Neri intrapresero. I loro sommozzatori e palombari divennero famosi in tutto il Mediterraneo , e la società continuò ad investire in unità navali anche negli anni seguenti.

1924

L’espansione
Nell’ottica di espandere la sua impresa nel 1924 Tito Neri effettua un altro importante salvataggio di una nave olandese (S/S Rijperkerk) incagliatasi e andata a fuoco nel porto di Bastia, in Corsica. Salvataggio intrapreso insieme alla nota ditta Fratelli Chiesa di Livorno . La sua è ormai un’organizzazione consolidata e Tito non ha difficoltà ad entrare nel giro di coloro che effettuavano rimorchi nella zona di mare compresa fra la Toscana e la Liguria.

1924

Hollywood bussa alla porta
Due anni dopo il mondo del cinema gli apre le porte: nel 1926, infatti, viene contattato dalla nota casa di produzione cinematografica americana Metro Goldwyn Mayer,divenendo presto amico di Mister Goldwyn. La MGM stava girando ad Anzio, ma si trovò insoddisfatta con i risultati cinematografici e decise di spostarsi a Livorno per la realizzazione della battaglia navale del colossal “ Ben Hur “, dove si sapeva della maestria della ditta Neri. A Tito venne chiesto di costruire una flotta di galere romane per le riprese in mare. Tito accettò e presso il suo cantiere avviò la costruzione della flotta. Al momento di stipulare il contratto, un po’ imbarazzato, chiese agli americani: “Voi in America che tipo di accordo fareste? “. Per tutta risposta si sentì offrire lo stesso tipo di contratto in uso oltreoceano e cioè un “cost plus “, ovvero una percentuale di guadagno, il 20 per cento, su ogni spesa sostenuta da Neri. Tito lo applicò alla lettera, ben sapendo che più spendeva…, più guadagnava. Quando ogni sera tornava a casa con in tasca un pacco di dollari la moglie Algerina, donna di modeste origini sposata nel 1911, si stupiva di quei guadagni e temeva di essere presto tratta in arresto insieme al marito. Gli americani si ritennero così soddisfatti del lavoro di Tito Neri che a fine lavorazione, prima di tornare in patria, gli fecero dono dell’intera flotta e di un’automobile, autista compreso.

1925

Buone Collaborazioni
Nel 1925, Tito Neri e Nullo Sgarallino, nipote del luogotenente di Garibaldi, Andrea Sgarallino, fondarono la società: “Società Rimorchiatori Livornesi,. La società era proprietaria dei rimorchiatori “Meloria,” (1909), e “Italia Nuova,” (1923). La società Rimorchiatori Livornesi vide un’altra espansione l’anno seguente , tuttavia, quando il nome ufficiale fu cambiato da “Società Rimorchiatori Livornesi” a “Società Rimorchiatori Riuniti: Chiesa, Neri, Sgarallino,” . Questa unione emerse dalla volontà delle tre famiglie livornesi: Chiesa, Neri e Sgarallino di unire le forze al fine di non competere all’interno del Porto di Livorno.

1944

Sopravvivere alla seconda Guerra e riniziare
Alla fine della seconda guerra mondiale, la società di Tito Neri era proprietaria di circa 100 unità navali: pontoni, rimorchiatori, chiatte, palombari, ecc. Quando seppe che i tedeschi in ritirata stavano arrivando a Livorno per affondare le unità navali all’ormeggio, Tito pensò bene di precederli e di provvedere lui stesso all’affondamento dei suoi rimorchiatori. Quando i tedeschi giunsero in banchina con le cariche esplosive non poterono fare altro che constatare l’affondamento della flotta e proseguire la fuga. Chi meglio di Tito Neri, professionista dei recuperi poteva permettersi una simile mossa? Infatti, al passaggio delle truppe americane, in breve tempo riportò in superficie i suoi mezzi navali. Nonostante questo i danni e le perdite erano state ingenti, tanto da costringere Tito a a chiamare a raccolta i suoi cinque figli: Corrado, Costante, Piero, Luigi ed Oreste e comunicare loro: “Ragazzi, da domani si ricomincia tutto daccapo”.Fu il primo lavoro del dopoguerra, la riapertura del porto di Livorno, città pesantemente bombardata fra tutte in Italia.

1945

Un uomo saggio per una nuova frontiera
L’italia diviene una Repubblica. Con il passare degli anni la sua modestia e la sua disinteressata generosità lo fanno ben presto diventare un punto di riferimento per la città, che lo “elegge” ad arbitro indiscusso di tutte le controversie nate all’interno del porto di Livorno.

1973

Un uomo molto stimato
Nel 1973 il già Cavaliere del Lavoro, Commendatore e Grande Ufficiale Tito Neri, all’età di 85 anni, muore. E’ un lutto che coinvolge l’intera Livorno. Quell’ometto, sempre vestito di nero da quando aveva perso la moglie in gioventù, era entrato nel cuore dei livornesi. Stimato in patria, ma anche all’estero, da New York a Londra, da Rotterdam ad Amburgo, si era guadagnato rispetto e gratitudine in ogni ambiente. Visse fino a tarda età , impegnandosi nel lavoro ogni anno della sua vita, nonostante personali tragedie lo colpiranno lungo la sua strada. Alfredo, suo fratello morì in una nave andata a fuoco nel 1950, solo 7 anni prima aveva perso la sua moglie Algerina Chiesa in un incidente stradale . Come se non fosse abbastanza, perse i suoi figli : Corrado e Piero, rispettivamente nel 1961 e 1964 , e un nipote Pierluigi, morto in un incidente stradale all’età di 8 anni. Tito rifiutò di farsi portare via dal destino crudele l’entusiasmo per la vita e per il lavoro. Ogni giorno arrivava al lavoro alle 5 del mattino. Una volta arrivato in Porto , offriva caffè e croissant alle guardie del Varco e della Capitaneria che uscivano dal turno di notte. A quel punto insieme decidevano quali navi fossero le prime ad entrare in porto quella mattina. Invero, il solo segno esterno di lutto fu quello di vestire sempre in nero ogni giorno della sua vita dopo la morte di sua moglie Algerina.

Nel dopoguerra Tito partecipò e promosse la costruzione di bacini di carenaggio, di depositi petroliferi costieri, creò i più bei complessi turistico-balneari di Livorno: i Bagni Fiume. Furono centinaia i salvataggi e recuperi effettuati e decine in tutta Italia i lavori marittimi e i porti realizzati dai Neri (Loano, Piombino, Marina di Pisa, Marina di Carrara, Chiavari, Lavagna, Rapallo, Bari, Taranto, Napoli, ecc.). Ora bisognava proseguire senza di lui.

1997

La storia continua…
Dal 1997, Fratelli Neri società per azioni è di proprietà dei fratelli: Piero (1945) e Tito (1943), figli del primogenito di Tito, Corrado (1913 e sua moglie Ilva 1919). Negli ultimi 20 anni si sono realizzate importanti innovazioni e investimenti . Nuovi rimorchiatori di tipo azimutale e supply vessels sono stati acquistati e nuove imprese iniziate –spesso come joint ventures. In ricordo di tutti i predecessori i loro nomi rivivono oggi scritti a poppa dei rimorchiatori ormeggiati nel Porto Mediceo, fra i quali spicca il nuovo e modernissimo”Algerina Neri” la donna che sebbene ammalata di diabete, così rispose al dottore che voleva farle interrompere la prima gravidanza: ”Dei rischi non mi importa. Io devo fare il primo dei figli maschi sui quali Tito costruirà il suo avvenire”. Algerina ebbe 6 figli tutti maschi.

Anteprima della news

Nuova operazione in Grecia per i rimorchiatori italiani

La joint venture GMC (Neri, Rimorchiatori Riuniti, e da poco anche Cafimar)...

Anteprima della news

Il Nos Taurus impegnato in antinquinamento in Corsica

Allarme inquinamento in mare al largo della Corsica a causa della collisione...

Anteprima della news

Una nuova ambulanza donata dal gruppo Neri

Le sirene e gli altissimi getti d'acqua rivolti al cielo da due...

Anteprima della news

Un buon primo semestre 2018 per i porti dell’Alto Tirreno

Dati consuntivi positivi per i porti dell’Autorità di sistema portuale del Mar...

Seguici su: